ilquotidianoinclasse.it

ilquotidianoinclasse.it
partecipa anche tu !

sabato 11 febbraio 2017

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO: ESPERIENZA POSITIVA?

per la classe 3^ LES 

Per questa settimana leggete il giornale per conto vostro e provate invece a esprimere la vostra opinione sulla recente esperienza di alternanza.

L'OPINIONE
Apprezzate l'introduzione dell'alternanza scuola lavoro nei licei per 200 ore? Cosa avete appreso dall'esperienza appena conclusa?  Va ripetuta con la terza dell'anno prossimo? Cambiereste qualcosa?

22 commenti:

  1. Buon giorno, io ritengo che l'alternanza scuola lavoro sia molto utile, ovviamente dipende da come la si fa.
    Cosa voglio dire con questo ? Che molte volte o meglio nella maggior parte dei caso nelle scuole pubbliche (ex: Galfer , D'azeglio ecc) viene trascurata molto, facendo fare ai ragazzi cose inutili che non servono a nulla per il loro corso di studi.
    Mentre come la stiamo facendo noi ritengo che sia molto utile, perché rispecchia anche il nostro piano di studi, cambierei un po' di cose a livello gestionale... per loro era la prima esperienza ed è stato molto bello, molto interessante e molto istruitivo.
    Infine penso che la 3 dell' prossimo anno debba ripetere questa esperienza, perché come è servita a noi, servirà anche a loro, magari con un tema diverso dal cibo... però rimanere sul tema scuola, per avere più ampia libertà di creare una start-up.

    -Emanuele

    RispondiElimina
  2. L'esperienza di alternanza scuola lavoro che fino ad ora abbiamo fatto con il centro per l'innovazione sociale di Torino, Social Fare è stato molto utile ed interessante. È stato molto bello per me lavorare in team, perché mi ha aiutato a collaborare e inoltre siamo riusciti a conoscerci meglio. È stato molto interessante il percorso, mi è piaciuto molto il tema "alimentazione" e soprattutto il fatto che noi studenti, in prima persona, abbiamo potuto elaborare delle soluzioni per migliorare la convivenza degli studenti a scuola.
    L'unica modifica che mi sento di proporre è che i primi incontri sono stati troppo "noiosi" perché abbiamo ricevuto molte nozioni necessarie alla progettazione, ma forse un po' troppe.
    Devo aggiungere però che i tutor di Social Fare sono stati molto disponibili e molto competenti.
    Spero che le prossime esperienze di alternanza scuola lavoro possano arricchirci come questa con Social Fare, è che ci sia sempre la possibilità di lavorare in team per rafforzare le relazioni in classe
    ed inoltre di poter svolgere attività molto più simili al vero mondo del lavoro.
    Oliveri Chiara

    RispondiElimina
  3. Buongiorno,
    personalmente ritengo che l'esperienza di scuola lavoro di quest'anno, svolta con SocialFare, sia stata globalmente soddisfacente. Alcuni metodi di lavoro e spunti mi sono piaciuti ma penso che certi aspetti siano da migliorare. Uno dei fattori positivi sono stati il lavoro in gruppo, dove ognuno aveva un compito ben preciso. Secondo me è importante imparare a lavorare insieme, svolgere i propri compiti, fidarsi del proprio compagno, trovare soluzioni insieme... sono competenze sempre più richieste nel mondo del lavoro. Un altro fattore positivo è la modernità della sede SocialFare, essendo il primo centro di innovazione sociale è unico nel suo genere e anche il suo obbiettivo, ossia generare cambiamenti positivi nella società, mi è piaciuto. Tuttavia, come ho detto prima, ci sono degli aspetti da migliorare come ad esempio il fatto che, più che un lavoro, mi è sembrata un'attività simile a un laboratorio. Dall'alternanza scuola lavoro mi aspettavo qualcosa di più concreto e, appunto, più "lavorativo". Spero che questo punto si possa migliorare con le attività che condurremo durante le classi quarta e quinta. Inoltre, ho trovato che alcune attività siano state veramente troppo ripetitive. E' capitato che per due giorni abbiamo fatto praticamente le stesse cose. Infine, un'altra cosa da cambiare è la parte teorica che ho trovato pesante da seguire.
    Secondo me l'introduzione dell'alternanza scuola lavoro è stata una scelta intelligente ma si può rivelare utile solo se fatta bene e ci sia una buona organizzazione dietro. Consiglierei questa esperienza alla classe terza del prossimo anno ma con dei cambiamenti. Se dovessi dare un voto all'attività scuola lavoro di quest'anno darei un 7 su 10.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  5. Buonasera, personalmente ritengo che l'alternanza scuola lavoro con il team Socialfare è stata un'esperienza utile che mi porterò nel mio bagaglio culturale, abbiamo imparato molte cose a prescindere dal lavoro in gruppo, alla pianificazione di un progetto dopo essere stato pensato e soprattutto la condizione che richiedeva a ciascuno di mettersi in competizione con le proprie capacità senza escludere gli studenti come spesso si sente dire nella scuole pubbliche.
    Come già è stato specificato dagli altri, anche io proporrei quest'esperienza alle future classi ma forse con una modifica, un po' meno di teoria se è possibile.

    RispondiElimina
  6. Buonasera,
    a mio modesto parere queste ore di scuola lavoro con Social Fare sono state molto utili. Grazie ad esse ho imparato come creare e portare avanti un progetto, il tutto attraverso un lavoro di gruppo, il che, secondo me, è stato il modo più corretto, perché abbiamo imparato meglio a collaborare con gli altri membri. Una cosa che cambierei sarebbe il tema generale del progetto, perché esso ha ridotto molto la nostra fantasia, di conseguenza ci ha limitati nel creare progetti più interessanti e più di nostro gradimento. Un ultima cosa che cambierei sarebbe il fatto che uno dei progetti, scelto da una giuria di professori, venisse messo in atto all interno della nostra scuola. Penso quindi che il progetto si debba proporre anche per le prossime terze.

    RispondiElimina
  7. Buonasera,
    Riguarda l esperienza di alternanza scuola-lavoro ritengo che sia stata molto utile e interessante perché abbiamo potuto mettere in campo le nostre capacità mettendoci alla prova con dei lavori di gruppo che hanno permesso ad ognuno di esprimersi al meglio.Penso che sia un lavoro utile e tutte le scuole debbano dedicarsi con attenzione a queste attività per stimolare i ragazzi.Sarebbe stato positivo se alcuni dei progetti realizzati fossero stati adottati dalla scuola senza lasciarli vani.Ritengo che l esperienza possa essere proposta alle future classi.

    RispondiElimina
  8. Buonasera,
    penso che questa nuova legge attuata nei licei italiani sull'alternanza scuola-lavoro sia stata una buona idea perchè penso che sia una presa di coscienza del mondo lavorativo che affronteremo terminati gli studi.
    Si chiama alternanza scuola-lavoro perchè intende fornire ai giovani, oltre alle conoscenze di base, quelle competenze necessarie a inserirsi nel mercato del lavoro, alternando le ore di studio a ore di formazione in aula e ore trascorse all’interno delle aziende.
    Con questa esperienza in collaborazione con Social Fare ho appreso l'importanza del lavoro di gruppo, penso sia stato un progetto interessante e le persone che ci hanno seguite sono state molto disponibili, professionali e soprattutto preparate sull'argomento svolto. Alle prossime classi terze lo proporrei inserendo delle modifiche per esempio meno ore di teoria e aumentando le ore di pratica, e magari ampliando questo tema dell'alimentazione molto interessante su altri fronti e non soffermandosi solo sulla nostra scuola che è un luogo molto limitato. Una cosa che ,mi ha un po' delusa è stata la non applicazione di nessuno di questi progetti perchè ci siamo molto impegnati in questa esperienza e mi è sembrato quasi un lavoro vanificato perchè non è stato preso in considerazione nel modo giusto. Concludo dicendo che se questo è solo un punto di partenza questo progetto sviluppandolo apportando delle modifiche diventera' più efficacie.

    RispondiElimina
  9. Buonasera,
    Secondo me il percorso di alternanza scuola lavoro con social fare è stato molto utile perché personalmente mi ha fatto scoprire competenze che non sapevo di avere.Mi è piaciuto il fatto che questo percorso sia stato più pratico che teorico e diviso in gruppi ci hanno fatto pensare ad ambiti a cui non si pensa tutti i giorni come per esempio il logo o lo slogan del progetto.A mio parere bisognerebbe proporre più temi per permettere di sviluppare la nostra creatività e per evitare che ci siano progetti simili. Questa esperienza è giusto farla ripetere anche alla terza del prossimo anno

    RispondiElimina
  10. Buonasera,
    la scorsa settimana abbiamo avuto la possibilità di vivere in prima persona l'esperienza dell'alternanza scuola lavoro con il team di social Fare.
    Devo dire che i tutor che ci hanno seguiti in questo percorso erano competenti,disponibili e riuscivano a trasmetterci il loro entusiasmo.
    I primi incontri li ho trovati un po' meno interessanti perché erano più teorici ma comunque utili ai fini della progettazione.
    Questa esperienza non solo ci ha avvicinati al mondo del lavoro ma ha migliorato il clima relazionale all'interno della nostra classe.
    Lavorare in team ha permesso ad ogni componente di sentirsi importante perché poteva apportare un valido contributo per poter realizzare al meglio il progetto.
    Se fossi un'insegnante lo riproporrei alle future terze perché comunque mi è stato utile per avvicinarmi all'ambiente lavorativo e per acquisire nuove conoscenze.

    RispondiElimina
  11. Buonasera,
    A mio parere l'esperienza dell'alternanza scuola lavoro è stata positiva, anche se all'inizio sembrava un po' noiosa con il passare del tempo è diventata interessante. Il tema dell'alimentazione è stato costruttivo, però la maggior parte dei progetti non potranno essere realizzati. E' un'esperienza che consiglierei alle terze del prossimo anno ma cambierei alcune cose come il fatto di dedicare più tempo alla parte pratica invece che a quella teorica visto che si tratta di un progetto lavorativo, fare in modo che il progetto non sia realizzabile solo in ambito scolastico ma anche al di fuori della scuola e dedicherei più ore al progetto. Comunque nonostante ci siano da fare dei miglioramenti è stata un'esperienza coinvolgente.

    RispondiElimina
  12. Buonasera,
    Ho molto apprezzato l'alternanza scuola lavoro credo che sia stato un progetto molto bello e impegnativo a me questo progetto mi ha fatto maturare.
    Questo progetto mi ha insegnato che non bisogna solo pensare all'idea del progetto ma anche alla parte economica infatti quando io e il mio gruppo abbiamo "finito" l'idea e le interviste del progetto il tutor ci ha consegnato un altra scheda dove dovevamo scrivere i costi e ricavi del progetto a quel punto sono andata un po' in panico perché non mi ero preparata sulla parte economica poi mi sono fatta spiegare bene sia dal tutor che dai miei "colleghi" e ho capito.
    Se fosse per me il progetto lo terrei anche per la terza del anno prossimo. L'unica modifica che farei al progetto è quella di fare un progetto non solo al interno della scuola ma anche all'interno del quartiere.
    Un altra modifica che si potrebbe fare e diminuire le ore di teoria e fare pratica non solo nel progetto ma per esempio assistere a una riunione di Social-Fare o a un attività.
    Cordialità
    Sofia Cavanagh

    RispondiElimina
  13. Buonasera
    Secondo la mia opinione l'inserimento del progetto di alternanza scuola lavoro all'interno delle scuole , se ben fatto e se attinente al percorso scolastico , è un metodo molto efficace per avvicinare gli studenti nel mondo del lavoro aiutandoli a capire che cosa potrebbero fare in un futuro anticipando conoscenze utili per le scelte lavorative
    Ritengo che Il progetto con Social Fare sia stato molto attinente ed utile , grazie ad esso ho imparato come si crea un progetto sociale e come si lavora in un team cercando di trovare un'idea che soddisfi tutti
    L'unica cosa che cambierei è il tema che dovrebbe lasciare più margine di libertà agli studenti senza soffermarsi solo nell'ambito scolastico e anche il metodo di insegnamento che alcune volte è stato troppo ripetitivo e poco pratico .
    Per il resto mi è piaciuto molto e lo consiglierei alle future terze con qualche cambiamento e cercando di poter attuare realmente i propri progetti portando più gratificazione

    RispondiElimina
  14. Buonasera ,
    personalmente penso che il progetto di alternanza scuola lavoro sia in generale interessante e utile per i ragazzi poiché si svolgono attività nuove e ci si mette in gioco con le proprie abilità senza bisogno di studio come si fa solitamente a scuola .
    Questa settimana di scuola lavoro è stata una nuova esperienza all'inizio con una parte molto teorica e in seguito con la vera elaborazione del progetto .
    Ho imparato a collaborare di più con le mie compagne di gruppo e penso che i progetti che siamo riusciti a creare siano innovativi e frutto di un lavoro che con i giorni è stato perfezionato .
    Mi è piaciuto il fatto che abbiamo svolto qualche lezione nella sede del socialfare.
    I ragazzi che ci hanno seguiti erano giovani per cui sono riusciti ad instaurare subito un bel rapporto con noi ragazzi e questo mi ha divertito molto e ha reso le giornate meno faticose.
    La tematica che abbiamo affrontato era interessante mi sarebbe piaciuto solo sviluppare il progetto in un altro contesto e non quello scolastico.
    Mi auguro in futuro che almeno uno dei nostri progetti di classe possa essere attuato o comunque fosse preso come "modello"per un altro progetto poiché ci siamo impegnati e mi dispiacerebbe che il nostro lavoro rimanesse solo un "pezzo di carta".
    Bianca Elettra Rolle .

    RispondiElimina
  15. Buonasera,
    l’esperienza di alternanza scuola-lavoro a mio parere è stata molto interessante e coinvolgente, perché abbiamo intrapreso un lavoro di gruppo, migliorando la nostra capacità di co-operare al fine di raggiungere un obiettivo comune e ogni persona ha dato il meglio di sé. Questo lavoro ha dato la possibilità di esprimere le proprie idee e anche la remota possibilità di realizzarle. E’ un lavoro che indirizzerei anche a tutte le terze ma consiglierei di ampliare la scelta degli argomenti.
    Lorenzo Borello

    RispondiElimina
  16. Buonasera,
    Dopo aver sentito molte opinioni su scuola lavoro, non avrei mai immaginato che potesse essere cosí coinvolgente e divertente, parte del merito va anche a Monica e Frncesco che sono riusciti a farci sembrare tutto piú realistico. Ho anche avuto modo di imparare a lavorare di gruppo con i miei compagni, tutti molto coinvolti e partecipativi. É da riconoscere soprattutto la COERENZA con il nostro piano di studi, totalmente assente nella maggior parte degli altri istituti. É un lavoro che consiglio anche alle classi dei prossimi anni. Sicuramente anche loro non se lo dimenticherebbero.

    RispondiElimina
  17. Buonasera,
    Ritengo che il progetto di alternzanza scuola-lavoro sia un progetto con basi solide e buone, con una finalità di tipo conoscitivo utile per gli studenti. Sono soddisfatto dell'inserimento di questo progetto nel sistema educativo e sono completamente a favore. Penso che il progetto, l'idea di fondo, di tutto ciò sia più che valida, ma ci sono varie cose da migliorare. Il progetto che ha coinvolto la mia classe è stato interessante, svolto con il coinvolgimento di persone preparate e cordiali, ma si può definire il tutto come un qualcosa di fittizio. Io e i miei compagni ci siamo impegnati e in alcuni casi anche appassionati, per le nostre idee, ma si sa che le nostre proposte sono difficili da attuare realmente nel contesto scolastico. Alcune idee sono irrealizzaibili ma altre no, anche se, dopo la presentazione, sono state un po'abbandonate, scartate con un semplice "non compete a me" dai piani alti. Io e il mio gruppo crediamo molto nel nostro progetto e continueremo a proporlo e a crederci, sperando in un possibile cambiamento.
    Consiglio vivamente il progetto per le futuri terze, ma lasciando spaziare i ragazzi, non dando come limite l'ambiente scolastico.

    Edoardo Tello

    RispondiElimina
  18. Buonasera
    Il percorso di scuola lavoro è stato come un sogno ma di quelli belli, dove per una settimana abbiamo investito tutte le nostre forze su un progetto con l'obbiettivo di migliorare una questione che non andava, premesse ottimo è stato divertente e impegnativo trovando una certa forma di appagamento addirittura, ma come ogni bel sogno finisce con tua madre che ti tira su la tapparella per svegliarti urlando sul fatto che siano le 7:40 che tradotto nell'esperienza è quell'amaro in bocca che mi è venuto quando ho saputo che i nostri progetti curati con impegno e dedizione non verranno nemmeno presi in considerazione quindi il mio voto è 3 stelle su cinque, bello il percorso orribile la conclusione
    Stay accuort

    RispondiElimina
  19. Personalmente ritengo che l'alternanza scuola lavoro fin ora svolta sia stata molto utile ed interessante. Abbiamo svolto questa attività grazie alla collaborazione di un centro di innovazione chiamato Social Fare. Inoltre abbiamo imparato a lavorare in team ed è stato molto bello perché abbiamo dovuto trovare delle idee condivise da tutti , per un creare alla fine un progetto. Il tema del progetto era basato sull'alimentazione anche se fosse un argomento abbastanza ristretto a mio parare però ci siamo impegnati a cercare delle soluzioni. Dovevamo creare dei progetti basati sulle probabili necessità degli studenti sulla base dell'alimentazione.
    L'unico grande difetto dei primi incontri è stata la troppa teoria rispetto alla pratica cui ci ha annoiato parecchio.
    Spero ci possano essere altri progetti interessanti come questo e che ci possano coinvolgere il più possibile.

    RispondiElimina
  20. Buonasera,
    penso che l'alternanza scuola-lavoro sia molto utile. Perché può servire ai ragazzi per capire come funziona il mondo lavorativo e le sue difficoltà.
    Ma il progetto di alternanza scuola-lavoro dipende,soprattutto,dalla scuola che viene proposto ai ragazzi,che deve essere attinente al loro percorso di studio.
    Il lavoro che noi abbiamo concluso con SocialFare era molto attinente al nostro percorso di studio,anche se nella maggior parte degli incontri ci siamo concentrati sulla teoria,trascurando,la pratica. Quindi,risultava un po' noioso e ripetitivo.
    Secondo me,il progetto che abbiamo svolto ci ha aiutati per imparare a lavorare divisi a gruppi e collaborare fra noi.
    Una grande pecca di tutto questo progetto è che i lavori che abbiamo realizzato non potranno mai essere realizzati.
    In conclusione,questa esperienza dovrebbe essere ripetuta con le prossime classi terze ma l'ideale sarebbe far creare ai ragazzi dei progetti realizzabili.

    RispondiElimina
  21. Buonasera,
    Purtroppo io non ho assistito ai primi incontri con l'associazione SocialFare, ma appena arrivata sono stati molto accoglienti, spiegandomi il lavoro iniziato dai ragazzi precedentemente. Ho trovato quest'esperienza molto interessante e più interattiva rispetto al percorso propostomi nell'altra scuola, il quale prevedeva un lavoro di traduzione all'interno dell'archivio di stato. Non avrei mai pensato che tale progetto sarebbe stato così interessante e coinvolgente poiché non sono ancora totalmente entrata nel percorso di studi che propone questa scuola, ma credo che mi abbia davvero aiutata a comprendere, anche se in maniera superficiale, le basi del mio nuovo percorso scolastico. Personalmente credo che questo percorso debba essere ripetuto per le terze dell'anno prossimo però con una lieve modifica ovvero: il tema dovrebbe essere meno limitativo dunque orientato al di fuori della struttura scolastica.
    Sarah Martinotti

    RispondiElimina
  22. Buonasera,
    A mio parere l'introduzione dell'alternanza scuola lavoro sia stata una decisione molto intelligente. Molti stati in Europa già la praticano, ma per me è qualcosa di nuovo ed intrigante. Devo dire che ho appreso diverse cose da quest esperienza. Ho scoperto di aver interesse nella co-progettazione ed informatizzazione.
    Il team di socialfare ci ha trattati come veri e propri colleghi, eravamo come dei tirocinanti al lavoro. Riproporrei quest' attività anche alle terze dell'anno prossimo, ma cambierei qualche aspetto. In particolare l'organizzazione spaziale, perchè ad ogni incontro cambiava tra scuola e sede e le aule erano relativamente piccole per un numero alto come il nostro. Inoltre non limiterei i progetti al contesto scolastico ma li espanderei anche fuori.

    RispondiElimina